Agenda

Tramite l’elemento agenda è possibile gestire l’agenda di una presentazione, creare un sommario e aggiungere o riorganizzare singoli capitoli. Tutte le diapositive agenda vengono sincronizzate automaticamente man mano che si modifica la presentazione.

16.1
Inserimento di un capitolo
16.2
Riordinamento dei capitoli dell’agenda
16.3
Posizionamento dell’agenda
16.4
Gerarchia dei capitoli a più livelli
16.5
Più agende in un’unica presentazione
16.6
Inserimento di un sommario
16.7
Assegnazione di uno stile all’agenda
16.8
Suggerimenti
16.9
Modello di ruolo

16.1 Inserimento di un capitolo

Per inserire un nuovo capitolo nella presentazione, scegliere image Capitolo dal menu Elementi. Dopo la diapositiva corrente verrà inserita una nuova diapositiva contenente una nuova linea “Capitolo“. La nuova linea risulta preselezionata, in modo da consentire l’immissione diretta del nome del nuovo capitolo sovrascrivendo il testo del segnaposto. Per impostazione predefinita, la nuova diapositiva avrà come titolo “Agenda”. Il titolo può essere modificato (vedere Modello di ruolo).

Quando si modifica l’agenda, è anche possibile selezionare un titolo di capitolo e premere ALT+INS. Ciò inserirà un nuovo capitolo dopo quello attualmente selezionato.

16.2 Riordinamento dei capitoli dell’agenda

Quando si modifica una diapositiva agenda, è possibile cambiare l’ordine dei capitoli con i seguenti metodi:

  • selezionare il titolo di un capitolo, quindi tenere premuto Shift+ALT e utilizzare per spostare il capitolo in alto o in basso,
  • trascinare il titolo di un capitolo in una nuova posizione con il mouse,
  • trascinare il titolo di un capitolo tenendo premuto CTRL per duplicare il capitolo.

Se si sposta un capitolo, le diapositive appartenenti a tale capitolo, ossia tutte le diapositive comprese tra la diapositiva agenda del capitolo spostato e la diapositiva agenda del capitolo successivo, si spostano automaticamente.

Nella visualizzazione Sequenza diapositive è possibile riordinare le diapositive agenda o copiarle, incollarle e duplicarle esattamente come si fa con le diapositive normali. Se viene modificato l’ordine dei capitoli, tutte le diapositive agenda verranno aggiornate di conseguenza.

16.3 Posizionamento dell’agenda

Se non si apportano modifiche alla posizione, l’elemento agenda apparirà centrato sulla diapositiva. Per spostarlo, è possibile bloccare i bordi superiore, inferiore, sinistro o destro in una posizione specifica.

Ad esempio, se un logo o un’immagine vengono visualizzati sul lato sinistro di ogni diapositiva agenda, è possibile bloccare il bordo sinistro in modo da lasciare spazio a sufficienza tra il logo e l’agenda. L’elemento agenda potrà essere ingrandito verso destra in modo da avere spazio per i titoli dei capitoli più lunghi. Una volta inserita la diapositiva del primo capitolo, è necessario scegliere il giusto posizionamento per l’agenda, così da applicare automaticamente la stessa posizione anche alle successive diapositive di capitolo.

Selezionare prima di tutto l’intero elemento agenda. Posizionare poi il puntatore del mouse in modo da racchiudere tutti i titoli dei capitoli entro una cornice di colore arancione, quindi fare clic una sola volta. In alternativa, utilizzare la selezione lazo di PowerPoint fino a includere tutti i titoli dei capitoli. L’agenda viene quindi evidenziata con una cornice di colore blu, i cui bordi presentano tre punti di manipolazione: in corrispondenza di entrambe le estremità e al centro.

Una volta visualizzati i punti di manipolazione dell’elemento agenda, è possibile posizionare l’agenda trascinando uno dei punti di manipolazione nella posizione desiderata, lungo uno dei righelli di PowerPoint. Trascinando uno dei punti di manipolazione, viene visualizzato un elemento di destinazione image lungo la posizione del righello, ma andando leggermente a destra rispetto quello sinistro o verso il basso rispetto a quello superiore. Quando si sposta il mouse in questa posizione e lo si trascina vicino a un righello, saranno visualizzate una riga di supporto rossa e un’icona a forma di lucchetto. Una volta rilasciato il pulsante del mouse, il bordo viene bloccato in quella posizione.

Posizionamento dell’elemento agenda in think-cell

La dimensione dell’elemento agenda viene sempre determinata dinamicamente, a seconda della lunghezza e del numero dei titoli di capitolo. È pertanto necessario bloccare almeno due bordi dell’elemento agenda, in modo da poterla ingrandire e ridurre posizionando gli altri bordi dinamicamente.

Per cambiare la posizione di un bordo bloccato, trascinare l’icona a forma di lucchetto in un’altra posizione. Per sbloccare un bordo e permettere a think-cell di posizionare l’agenda in modo automatico, è sufficiente allontanare l’icona a forma di lucchetto dal righello.

16.4 Gerarchia dei capitoli a più livelli

I capitoli vengono organizzati gerarchicamente mediante livelli di testo. In PowerPoint esistono diversi metodi per modificare i livelli. È possibile utilizzare i pulsanti di PowerPoint per aumentare e diminuire il livello di lista o tenere premuto Shift+ALT e utilizzare i tasti freccia e .

I capitoli di livello inferiore sono visibili solo nelle diapositive di capitoli dello stesso livello e nella diapositiva del capitolo padre. Se si seleziona un capitolo che contiene dei sottocapitoli nascosti, sotto l’inizio del testo del titolo viene visualizzato un indicatore image. Facendo clic su questa doppia freccia, è possibile accedere alla diapositiva del primo capitolo che mostra i sottocapitoli nascosti.

Le diapositive agenda vengono nascoste durante una presentazione se non è presente alcuna diapositiva tra un capitolo e il suo primo sottocapitolo, vale a dire se il capitolo principale non ha alcun contenuto. Ciò consente di evitare di dover utilizzare il comando di avanzamento rapido delle diapositive del capitolo per raggiungere l’effettivo contenuto della presentazione. Per questo motivo l’attributo di PowerPoint “Nascondi diapositiva” è impostato automaticamente.

Ad esempio, se il capitolo “A” contiene un sottocapitolo “A1” e non vi sono diapositive di contenuto tra la diapositiva agenda di “A” e quella di “A1”, la diapositiva agenda di “A” viene impostata automaticamente su “Nascosto” in PowerPoint. Nel momento in cui tale condizione non è più valida, la diapositiva viene impostata automaticamente su “Visibile” in PowerPoint.

Durante una presentazione, nella sequenza dei numeri di diapositiva visualizzati viene saltato un numero ogni volta che viene omessa una diapositiva agenda. Per evitare ciò si verifichi, scegliere image Rimuovi diapositive agenda nascoste dal menu di scelta rapida di ogni titolo di capitolo per rimuovere tutte le diapositive di questo tipo dalla presentazione. Per aggiungere del contenuto tra la diapositiva rimossa di un capitolo e la prima diapositiva del relativo sottocapitolo, selezionare image Inserisci diapositive agenda nascoste e accedere alla posizione desiderata all’interno della presentazione.

16.5 Più agende in un’unica presentazione

È possibile suddividere la presentazione in più sezioni, ciascuna dotata di una propria agenda. A questo scopo, accedere alla prima diapositiva della seconda sezione e scegliere image Dividi agenda dal menu Elementi. Le diapositive che fungono da divisori vengono identificate mediante un indicatore posto sul loro angolo superiore sinistro.

I capitoli posti dopo un divisore non sono compresi nelle diapositive agenda che si riferiscono ai capitoli precedenti e viceversa. Le varie sezioni di una presentazione sono dotate di agende indipendenti.

Di norma, viene utilizzato un divisore per separare una sezione di backup dalla parte principale della presentazione. In tal caso, di norma la sezione di backup dispone della propria diapositiva titolo denominata semplicemente “Backup” (priva di agenda o panoramica). Proprio in questa posizione, deve essere posizionato il separatore agenda. I capitoli posti dopo questa diapositiva non appaiono nelle diapositive agenda presenti all’inizio della presentazione. Di conseguenza le diapositive di backup non si spostano se viene spostato l’ultimo capitolo della parte principale della presentazione.

Nota: Posizionando il separatore agenda sulla prima slide agenda del backup, il separatore sarà spostato in relazione agli spostamenti effettuati sull’ultimo capitolo e, allo stesso modo, viene duplicato se anche la slide agenda viene duplicata.

16.6 Inserimento di un sommario

Per aggiungere una diapositiva che mostri tutti i capitoli di livello superiore senza alcuna evidenziazione, selezionare image Sommario nel menu Elementi. Se non è stato ancora definito alcun capitolo, la diapositiva risulterà vuota e verrà popolata man mano che vengono aggiunti i capitoli. Un esempio è riportato di seguito:

Smart-element concettuali think-cell: agenda

Se la presentazione contiene già delle diapositive di capitolo, verrà inserita una diapositiva sommario prima della prima diapositiva di capitolo. Se la presentazione non contiene ancora alcuna diapositiva di capitolo, verrà inserita una diapositiva sommario vuota dopo la diapositiva corrente. Utilizzare la visualizzazione Sequenza diapositive di PowerPoint per spostare la diapositiva nella posizione desiderata.

16.7 Assegnazione di uno stile all’agenda

Quando si seleziona il titolo di un capitolo, la barra degli strumenti mobile offre dei controlli in grado di modificare le dimensioni e lo stile dei caratteri (vedere Carattere), il riempimento (vedere Colore e riempimento) e lo stile del contorno (vedere Stile linea). Se si utilizza un contorno, è possibile modificarne anche il colore.

Lo stile assegnato al titolo di un capitolo viene applicato a tutti i capitoli dello stesso tipo. Se ad esempio si assegna un riempimento blu e un contorno tratteggiato al titolo di un capitolo di livello superiore evidenziato, a tutti gli altri capitoli di livello superiore evidenziati verrà assegnato lo stesso stile.

Smart-element concettuali think-cell: assegnazione di uno stile ai titoli dei
capitoli

Durante l’assegnazione di uno stile all’agenda, think-cell distingue le tipologie seguenti:

  • il capitolo è corrente e di livello superiore
  • il capitolo è di livello superiore e contiene il capitolo corrente
  • il capitolo è di livello superiore ma non contiene il capitolo corrente
  • il capitolo è corrente ma non di livello superiore
  • il capitolo è secondario rispetto al capitolo corrente e il capitolo corrente è di livello superiore
  • né il capitolo né il capitolo corrente sono di livello superiore, inoltre il capitolo non si trova nel percorso che va dal capitolo di livello superiore al capitolo corrente, ma o uno dei suoi elementi di pari livello si trova nel percorso, oppure esiste un elemento secondario al capitolo corrente (il capitolo è "nella sottostruttura del corrente")
  • il capitolo non è di livello superiore, non è corrente e non si trova "nella sottostruttura del corrente", ma il capitolo di livello superiore rispetto a questo capitolo è corrente
  • il capitolo non è di livello superiore, non è corrente e non si trova "nella sottostruttura del corrente", ma il capitolo si trova sotto lo stesso livello superiore del capitolo corrente
  • qualsiasi altro capitolo (eccetto il sommario)
  • il capitolo si trova nel sommario ed è di livello superiore
  • il capitolo si trova nel sommario e non è di livello superiore
  • né il capitolo né il capitolo corrente sono di livello superiore, inoltre il capitolo si trova nel percorso che va dal capitolo di livello superiore al capitolo corrente

16.8 Suggerimenti

È possibile utilizzare tutti e quattro i tasti freccia come tasti di scelta rapida dei capitoli: Shift+ALT e per riordinare i capitoli e Shift+ALT e per modificarne il livello gerarchico.

Nella visualizzazione Diapositive, facendo doppio clic sul titolo di un capitolo si accede alla diapositiva agenda associata. Lo stesso si ottiene facendo clic semplicemente sul titolo durante la presentazione.

Se si seleziona il titolo di un capitolo e se ne modificano le dimensioni e lo stile dei caratteri tramite la barra degli strumenti mobile, la stessa modifica viene applicata a tutti gli altri capitoli dello stesso tipo. Se invece si seleziona solo una parte del testo del titolo di un capitolo e si utilizzano i controlli di PowerPoint (ad esempio per applicare lo stile corsivo a un nome proprio), il testo del capitolo viene modificato in tutte le diapositive agenda senza influenzare gli altri capitoli.

16.9 Modello di ruolo

Quando in una presentazione viene inserita una seconda diapositiva agenda (così come ogni altra diapositiva agenda successiva), questa viene creata sul modello della diapositiva agenda esistente più vicina, comprese le forme presenti sulla diapositiva e l’impostazione dello schema. Se è stato quindi applicato a una diapositiva agenda uno schema di diapositiva specifico o un layout personalizzato, tale impostazione verrà ereditata da tutte le diapositive agenda create in seguito.