Etichette di testo

think-cell fornisce un’etichettatura corretta e leggibile. Evitare di utilizzare le caselle di testo di PowerPoint per etichettare i grafici poiché verranno ignorate dal posizionamento automatico delle etichette di think-cell. Quando si creano etichette dal menu di scelta rapida di think-cell, il contenuto predefinito viene acquisito dal foglio dati o calcolato dal programma (nel caso dei totali delle colonne, calcolo della media e così via).

Inoltre, è sempre possibile immettere del testo aggiuntivo oppure sostituire quello predefinito all’interno delle etichette automatiche di think-cell. Una volta selezionata un’etichetta, è possibile iniziare a digitare, sovrascrivendo il testo corrente. Se si desidera mantenere il testo esistente, accedere alla modalità di modifica del testo premendo F2 e utilizzare i tasti cursore e i tasti Home/FINE per spostarsi all’interno del testo dell’etichetta. Questa sezione spiega in modo dettagliato come funzionano le etichette di think-cell.

6.1
Tipi di etichette
6.2
Posizionamento automatico delle etichette
6.3
Posizionamento manuale delle etichette
6.4
Campi di testo
6.5
Controlli delle proprietà delle etichette di testo
6.6
Procedura per incollare del testo in più etichette

6.1 Tipi di etichette

Di seguito viene riportato un elenco delle etichette supportate per i diversi tipi di grafici e dei pulsanti del menu di scelta rapida utilizzati per aggiungerle o rimuoverle:

Tipo di etichetta Tipi di grafico Pulsanti del menu
Categoria colonna, linea, area image image
Serie colonna, linea, area image image image
Segmento Istogramma image
Punto linea, area, grafico a dispersione image image image
Totale colonna, area image image
Interna a torta image
Esterna a torta image
Attività Gantt image image image
Elemento Gantt image
Scala Gantt image
Indicatore percentuale 100% image

Nota: L’istogramma comprende grafico in pila, grafico raggruppato, grafico 100%, grafico Mekko, grafico a cascata e le relative varianti ruotate. Il grafico a dispersione include il grafico a bolle.

tipi di etichetta di think-cell

Inoltre, alcuni elementi decorativi dei grafici supportano anche le etichette:

Tipo di etichetta Elemento decorativo del grafico Pulsante Menu
Seleziona asse valore image
Titolo asse image
Valore media image

6.2 Posizionamento automatico delle etichette

Quando si utilizza think-cell, le etichette vengono automaticamente posizionate nei punti appropriati. Una serie di regole incorporate assicura che le etichette siano sempre posizionate in modo da essere facilmente leggibili ed esteticamente gradevoli. Queste regole sono specifiche del tipo di grafico e del tipo di etichetta in questione. Di seguito vengono riportati alcuni esempi.

Per le etichette dei segmenti negli istogrammi:

  • Se lo spazio è sufficiente, centrare tutte le etichette.
  • Se un’etichetta è più grande del segmento a cui appartiene, inserire un rettangolo colorato sotto l’etichetta.
  • Se due etichette sono troppo vicine, spostarne una verso sinistra e l’altra verso destra.
  • Se lo spazio all’interno di un segmento non è sufficiente, posizionare l’etichetta fuori dal segmento e aggiungere una linea che punti al segmento correlato.

Per le etichette interne nei grafici a torta:

  • Se lo spazio è sufficiente, posizionarle quanto più vicino possibile al bordo esterno del segmento.
  • Se un’etichetta è più grande del segmento a cui appartiene, inserire un rettangolo colorato sotto l’etichetta.
  • Se due etichette sono troppo vicine, spostarne una verso il centro della torta.

6.3 Posizionamento manuale delle etichette

In generale, think-cell posiziona automaticamente tutte le etichette nei punti appropriati. Se un’etichetta può essere posizionata in più punti, è possibile selezionarne modificare manualmente la posizione scelta da think-cell:

1.
Selezionare l’etichetta. Se nell’angolo inferiore destro della selezione viene visualizzata un’icona di trascinamento, significa che per l’etichetta sono disponibili delle posizioni alternative.
2.
Trascinare la cornice di selezione o l’icona di trascinamento con il puntatore del mouse. Durante il trascinamento, vengono evidenziate le posizioni disponibili, verso le quali salta la cornice di selezione blu.
3.
Rilasciare l’etichetta nella posizione desiderata.
posizionamento manuale delle etichette di think-cell mediante trascinamento

Le etichette per cui, durante la selezione, non viene visualizzata l’icona di trascinamento, non offrono posizioni alternative.

Quando si inserisce manualmente un’etichetta della serie, le posizioni alternative per l’etichetta includeranno le eventuali legende esistenti (Legenda) per il grafico.

Trascinamento di etichette nella legenda in think-cell

think-cell rispetta la posizione specifica di un’etichetta scelta manualmente dall’utente e la mantiene anche quando il layout del grafico viene modificato.

Se si desidera ripristinare la modalità automatica per un segmento posizionato manualmente, trascinare il puntatore del mouse sulla destinazione Trascinare qui per il posizionamento automatico oppure fare clic sul pulsante image Attiva posizionamento automatico dal menu di scelta rapida dell’etichetta.

Posizionamento automatico delle etichette in think-cell

Nota: È anche possibile trascinare più etichette per volta. Per farlo, utilizzare la selezione multipla (Selezione multipla) e spostare una delle etichette selezionate; l’operazione verrà propagata anche alle altre etichette.

6.3.1 Rotazione di etichette

Molte etichette possono essere ruotate di 90 gradi in senso antiorario oppure orario. Per ruotare un’etichetta, selezionarla e trascinare il punto di manipolazione di rotazione nella posizione desiderata. Le etichette che non presentano il punto di manipolazione di rotazione quando vengono selezionate non possono essere ruotate.

Rotazione di etichette in think-cell

Nota: È anche possibile ruotare più etichette per volta. Per farlo, utilizzare la selezione multipla (Selezione multipla) e ruotare una delle etichette selezionate; l’operazione verrà propagata anche alle altre etichette.

6.4 Campi di testo

È possibile aggiungere del testo libero a tutte le etichette create con think-cell. I numeri nelle etichette vengono aggiornati per riflettere le modifiche ogni volta che il foglio dati viene modificato, anche nei casi in cui l’etichetta contiene del testo aggiuntivo. Questa funzione è particolarmente comoda per le annotazioni o i rimandi nota a piè di pagina. Per utilizzarla, è sufficiente digitare nella casella di testo normalmente.

Quando si sposta il cursore o si seleziona del testo, si noterà che i numeri del foglio dati si comportano come un singolo carattere. Questo concetto è denominato campo di testo. È possibile sovrascrivere il campo di testo oppure aggiungere del testo prima o dopo di esso, ma non è possibile modificarlo. Tutti i numeri basati sul foglio dati e visualizzati nelle etichette del grafico vengono creati come campi di testo. Ogni campo di testo fa riferimento a uno specifico numero creato dai dati di Excel. Potrebbe trattarsi di una singola cella del foglio dati o di un calcolo che riguarda più celle. Ogni volta che l’origine dati del campo di testo viene modificata, i numeri nell’etichetta vengono aggiornati per riflettere la modifica.

Finché non si elimina o si sovrascrive il campo di testo di un’etichetta, i numeri nella casella di testo rimangono coerenti con i numeri presenti nel foglio dati. È tuttavia possibile scegliere di eliminare il campo e sostituirlo con altro testo o numeri differenti. In questo caso, il testo nell’etichetta non verrà più aggiornato.

Non è evidente quando un campo di testo numerico è stato sovrascritto con un altro numero. Per segnalare che l’etichetta non viene più aggiornata automaticamente, accanto a essa viene visualizzato un punto esclamativo image. Il punto esclamativo viene visualizzato anche accanto alle etichette categoria o serie se è stato immesso del testo nel foglio dati ma in seguito il campo di testo è stato sostituito con testo personalizzato. Tenere presente che il punto esclamativo è puramente informativo e, pertanto, la sovrascrittura di campi di testo spesso è perfettamente legittima.

L’etichetta non viene più aggiornata automaticamente in think-cell ed è pertanto indicata da un punto esclamativo rosso.

Per reimpostare un’etichetta e (re)inserire dei campi di testo, utilizzare il controllo del contenuto dell’etichetta (Contenuto dell’etichetta) oppure è sufficiente fare clic sul punto esclamativo, se presente.

Nota: A causa di una limitazione di Excel, solo i primi 255 caratteri di testo in una cella del foglio dati verranno visualizzati in un’etichetta di PowerPoint. In ogni caso è possibile aggirare la limitazione unendo il testo in una formula, ossia, invece di digitare Very long text ... si digiterà ="Very long "&"text ..." all’interno della cella del foglio dati.

Nota: la combinazione ALT+Enter può essere utilizzata per aggiungere interruzioni di riga al testo nel foglio dati, mentre il tasto F7 può essere utilizzato per eseguire la correzione ortografica del testo del foglio dati.

6.5 Controlli delle proprietà delle etichette di testo

6.5.1 Carattere

Il controllo del carattere si applica a tutte le etichette di testo. Fare clic su un carattere per modificare l’impostazione delle caratteristiche selezionate. Quando si modifica il carattere per l’elemento, tutto il testo creato successivamente all’interno dello stesso elemento adotterà il nuovo carattere.

6.5.2 Formato di numero

image

Il controllo del formato di numero si applica ai campi di testo che visualizzano i dati del grafico. Per utilizzare il controllo del formato di numero, immettere un numero di esempio con il formato desiderato. Il numero effettivo immesso non è importante; quello che conta è solo il formato di numero. La casella a discesa fornisce un rapido accesso ai formati più diffusi. Nella casella a discesa sono inoltre disponibili fino a un massimo di quattro degli ultimi formati personalizzati utilizzati. I valori assoluti e relativi possono avere dei formati differenti.

Per il raggruppamento delle migliaia è possibile utilizzare i seguenti caratteri di punteggiatura: virgola, punto, virgoletta singola e spazio. Per il separatore decimale, è possibile utilizzare punto, virgola o momayyez. Non è tuttavia possibile utilizzare lo stesso carattere per il raggruppamento delle migliaia e il separatore decimale.

Ad esempio:

  • Digitare 1.000,00 per visualizzare i numeri con una virgola per il separatore decimale, con due posizioni decimali e le migliaia separate da punti.
  • Digitare 1000 per visualizzare i numeri interi senza alcun raggruppamento.
  • È possibile aggiungere dei prefissi e dei suffissi arbitrari, con o senza spazi: $1.2M
  • Se si desidera che tutti i numeri siano con segno, selezionare un numero positivo e immettere un segno più (+) iniziale o finale: +1,234
  • Digitare -USD 1,234 per posizionare il segno algebrico davanti alla valuta, digitare EUR -1.234 per posizionarlo davanti al valore.
  • Con un numero negativo selezionato, rimuovere il segno meno (-) e racchiudere tutto, compresi prefisso e suffisso, tra parentesi, ad esempio (1,2M) per visualizzare valori negativi tra parentesi. Se tra parentesi viene racchiuso solo un prefisso o un suffisso, le parentesi vengono interpretate come caratteri letterali, ad esempio 1,234 (metric tons).
  • Digitare –1,234 con un trattino breve iniziale per sostituire tutti i segni meno (-) con dei trattini brevi.

think-cell può anche utilizzare un formato di numero che è stato impostato in Excel. Per utilizzare questa funzione, scegliere prima il formato di numero desiderato in Excel utilizzando la finestra di dialogo Formato celle..., quindi selezionare Formato Excel dalla parte inferiore del controllo del formato di numero di think-cell.

Nel contesto della valuta, alcune persone utilizzano la virgolette singola come simbolo per il milione e quella doppia come simbolo per il miliardo. Se si desidera utilizzare questa convenzione con think-cell, iniziare digitando dei milioni nel foglio dati o utilizzare il controllo magnitudine per mostrare i valori in unità di milioni (vedere Magnitudine). Immettere quindi la stringa di formato appropriato nel controllo del formato di numero. Se non si utilizza la virgoletta singola nella stringa di formato, i numeri seguiti da una virgoletta doppia rappresentano i miliardi, anche se non sono presenti ulteriori numeri dopo la virgoletta doppia.

Si consideri il numero 3842.23 (o il numero 3842230000 combinato con un’impostazione di magnitudine pari a ×106).

Controllo del formato di numero Output
1"234'000 3”842’230
1"234'0 3”842’2
1"00 3”84
1" 4”

6.5.3 Magnitudine

image

I valori delle origini dati spesso hanno delle magnitudini che non sono appropriate per la presentazione dei dati. In think-cell è possibile risolvere questo problema modificando la magnitudine delle etichette senza modificare l’origine dati.

Di seguito viene presentato un semplice esempio: la tabella di Excel è stata compilata con valori di sette cifre (ad esempio 3.600.000,00) ma si preferisce mostrare i valori in unità di milioni. È sufficiente selezionare ×106 dalla barra degli strumenti mobile; le etichette mostreranno i valori in scala appropriati.

6.5.4 Contenuto dell’etichetta

image

La maggior parte delle etichette dispone di un controllo del contenuto dell’etichetta. Utilizzare il controllo per scegliere i campi di testo con cui compilare l’etichetta. Ad esempio, le etichette dei segmenti nell’istogramma possono mostrare valori assoluti e/o percentuali. (Per informazioni dettagliate sulla compilazione del foglio dati fare riferimento a Valori assoluti e relativi).

Alcune etichette dispongono di una sola voce in questa casella a discesa. È possibile utilizzarla per ripristinare il campo di testo dell’etichetta, se era stato eliminato.

6.6 Procedura per incollare del testo in più etichette

Con think-cell la creazione di grafici basati sui dati è rapida e facile, ma occorre comunque digitare il testo. Se il testo è già disponibile in una tabella o in un file di testo, think-cell può rivelarsi comunque utile.

Il testo può essere contenuto in un file in Microsoft Excel, in Microsoft Word o in qualsiasi altro tipo di file di testo. In Excel le etichette sono naturalmente separate in celle di tabella. Nei file di testo normale le etichette devono essere organizzate in colonne (separate da interruzioni di riga) oppure in righe (separate da caratteri di tabulazione).

È possibile incollare selezioni multiple non solo con le etichette del grafico ma anche con qualsiasi forma nativa di PowerPoint.

1.
Nel file di origine selezionare il testo per tutte le etichette o forme e copiarle negli Appunti (CTRL+C o ModificaCopia). Selezionare e copiare più valori delle etichette
2.
Passare a PowerPoint. Se gli oggetti che riceveranno il testo non sono ancora presenti, procedere ora alla loro creazione. Questi oggetti possono essere sia forme native di PowerPoint come pure etichette di think-cell. Creare più etichette in PowerPoint (etichette di think-cell o forme di PowerPoint)
3.
Eseguire una selezione multipla delle forme o delle etichette in cui si desidera inserire del testo. Per ulteriori suggerimenti sulla selezione multipla, consultare Selezione multipla.
4.
Incollare il testo dagli Appunti (CTRL+V o ModificaIncolla). Incollare più valori delle etichette dagli Appunti in PowerPoint

Se il testo dell’origine è separato in modo appropriato da interruzioni di riga e/o caratteri di tabulazione, ciascuna delle forme o delle etichette selezionate in PowerPoint riceve il testo corrispondente degli Appunti.