14. Introduzione al layout

Quando si crea una presentazione PowerPoint, è spesso necessario creare diapositive come questa:

diapositiva con esempio di layout complesso

Usando solo PowerPoint, tutte le opzioni comportano compromessi insoddisfacenti o molto lavoro manuale: è possibile utilizzare una tabella PowerPoint non flessibile, creare la diapositiva con caselle di testo e affrontare noiose regolazioni manuali dopo le modifiche al testo oppure utilizzare un modello da SmartArt di PowerPoint o la propria libreria personalizzata e poco dopo imbattersi nei limiti del modello.

Utilizzando think-cell è possibile creare rapidamente diapositive complesse, come quella sopra, da semplici caselle di testo (vedere Caselle di testo) e pentagoni, frecce di espansione e caselle di testo (vedere Flusso di processo). Il layout della diapositiva viene continuamente riallineato e ottimizzato in automatico al variare del testo e degli altri elementi. Azioni significative come l’allineamento congiunto, la duplicazione, l’allineamento e lo spostamento di elementi definiscono una griglia intelligente in modo che non sia mai necessario posizionare o ridimensionare manualmente le forme.

Di solito viene creata anche una agenda, da caselle di testo attentamente allineate, la cui posizione e il contenuto devono rimanere sincronizzati. Il Capitolo Agenda mostra l’aiuto fornito da think-cell a tale riguardo.

Inoltre, quando si lavora con le presentazioni, una serie di strumenti aggiuntivi per la produttività consentono di eseguire varie procedure in modo più efficiente (vedere Strumenti di presentazione).